Rassegna storica del Risorgimento

1848 ; ESERCITO
anno <1935>   pagina <332>
immagine non disponibile

332
Giovanni Natali
e l'applauso alla Legione Bignami, che sarebbe entrata l'indomani,1* ma, conosciuto poi che il Bignami, per diffi­coltà di marcia non avrebbe potuto il 22 effettuare il suo ingresso, si rimandò l'adunata, e quando nel pomeriggio del 22 entrò il battaglione Zambeccari, la Civica era del tutto assente.
Nel pomeriggio del 23 entrava poi la Legione Bolognese comandata dal colonnello Bignami, fra pioggia di fiori, grida di gioia ed universali applausi, e veniva incontrata dal Coman­dante la Guardia Civica, dal generale Latour, dagli ufficiali superiori di ogni arma ed accompagnata ai quartieri da tre battaglioni di milizia civica e dai giovanetti del battaglione della Speranza.2)
La cosa fortemente dispiacque allo Zambeccari e ai suoi militi; i democratici ne trassero motivo di protesta, e il giorno dopo si vide affissa per la città una stampa anonima contro l'Agucchi, e nel giornale Il Povero erano scritte amare parole contro di lui, affermandosi: il battaglione si gloria dell'amore del popolo, non certo di quello di un Conte ! .3) Di tali sgar­bate allusioni si adontò l'aristocrazia che indusse gli ufficiali civici ad una dimostrazione di simpatia e di devozione allo Agucchi; e venne anche fatto un indirizzo al Pro-Legato perchè fosse chiamato all'ordine il Bortolotti editore de Il Povero, e corse voce di alterco fra il ProLegato e il Latour per la poca fermezza di questi a non escludere da Bologna il battaglione Zambeccari.4)
D'altra parte i fautori dello Zambeccari il giorno del­l'ingresso avevano affisso e distribuito un manifesto con
i) Unità , D. 143 del 21 dicembre 1848.
2) E. BOTTBIGAHI* Cronaca di Bologna, I, pp. 160 e seguenti (Bibl. dell'Archi­ginnasio, mas. JB. 2558).
3) ali Povero, n. 47 del 22 dicembre 1848.
4) I] Contemporaneo)), n. 236 del 31 dicembre 1848. Corrispondenza della Rivista indipendente . ..