Rassegna storica del Risorgimento

ASCOLI PICENO STORIA 1849; ORSINI FELICE; REPUBBLICA ROMANA 184
anno <1978>   pagina <190>
immagine non disponibile

190
Bruno Ficcadenti
bollono e le individualità si coprono di una putrida veste. Dunque bando a timori, o rancori. Io stimo Sante Jonni, lo saluto ed egli nulla ha a temere da me.
Vi ringrazio della diligenza usata verso di me, che non mi riesce nuova
Alle vostre miserie sono sensibilissimo. Conoscete però le nostre? Amico, una sola misura, altrimenti ove va la logica? E la misura è tenne, (diradata) per noi, che abbiamo risorse senza proporzione infinitamente minori. Intanto giunge opportuna la somma che mi avete rimessa*
Ora vi dirò degli ulteriori miei movimenti. Io parto. Lascio i Carabinieri. Non abbandonerò la provincia se non costretto dalla necessità di porre in sicuro la truppa. Ed i Carabinieri lascio per motivi che saprete a suo tempo.
Per amore alla santa causa, resistete, che se si dovesse cadere si salvi l'onore e la dignità nazionale. A voi non occorrono ulteriori parole.
Ricevei in Offida li scudi 363,42 di cui mi parlate. Salutate tutti i buoni.
Comandatemi senza riserbo.
Addio.
Il Commiss. Strd. F. Orsini
XI
REPUBBLICA ROMANA
Comando Superiore
Delle Truppe di Spedizione
Nella Provincia d'Ascoli
N. 116
Cittadino Avvocato.
Forge, 18 giugno 1849
Per la reiterata disobbedienza d'una parte della colonna ho trovato della mia dignità dimettermi dal comando civile e militare della Provincia, onde non prendere parte ad uno stato di cose che si oppone alli miei principi ed al mio giuramento. Io ne La prevengo affinché possa regolarsi come meglio le suggeri­ranno le circostanze che io ignoro, mancando di ogni notizia da più giorni.
Per ogni buon fine Le rimetto copia dell'atto da cui consta la mia dimissione; e la saluto fraternamente.
Il Commissario Straord-rio F. Orsini All'Aw.to Mazzoni Pro.Preside delia Provincia d'Ascoli
I > Uua oripmde, scritta mille due facciate di un mezzo foglio, in Archivio di Stato di AacoU Piceno, Atti della Delegazione Apostolica di Ascoli, M9t Repubblica Romana, Impiegati.