Rassegna storica del Risorgimento

1849-1852 ; DUE SICILIE (REGNO DELLE) ; EMIGRAZIONE POLITICA ;
anno <1926>   pagina <853>
immagine non disponibile

TI Comitato centrate sitiMtihù; M Palermo (184.9-1852) 853
volendo erigere un altro Comitato. Mi spedi la nota di coloro che non intervennero all'atto? ? consolò molto perchè tutti i veri ga- lantuomini sono con noi* Alla testa di questi gagliardi fautori di li- betta, di socialismo e di unità; senza comprendere (di ciò ne sono sicuro) né libertà tìè socialismo, né unità, vi è Masaracchio,
Hanno fatto un proclama, invitando tutti i siciliani a soscriverlo. Ti assicuro che lo scritto risela' la mente altissima del Masaracchio. Per non dilungarmi, ti dico che è un capo d'opera di sciocchezza.
Tra questi tali credo che vi e Interdonato, il colonnello o gene- raU/tma mi ricordo bene il grado. Sarebbe utile che uno di voi altri scrivesse a Giovannino per dissuadere suo cugino .
Appena il Comitato di Parigi ebbe mosso il primo passo, quei dis­sidenti, dichiarando formalmente i! loro sentimenti, espressi con molta chiarezza da Pietro Marano, si sciolsero dagli altri; e in 25 sotto la condotta di Tommaso Masaracchio Jacona e dell'ex colonnello Giovanni Interdonato, luogotenenti del Calvi, manifestarono V intenzione di costi­tuire un altro Comitato;* e più tardi lo costituirono.
Ai signori Rosolino Pilo e Vincenzo Errante - Genova
Malta 1 aprile 1851. Stimatissimi Fratelli,
La stima che nutriamo per la vostra meritevolissima persona ci danno il dovere a darvi conto del nostro operato.
L'acchiusa lettera diritta al Comitato di Pariggi, siciliano, -m mo- strerà i motivi delle giuste nostre langnanze.
Noi ci lusinghiamo di trovare in voi uguali principii e premure pel nostro avvenire. Credeteci ed amateci.
Vostro aff.rao amico Giov. INTERDONATO (d'altra mano: Francesecfio.eni)
p. S. Abbiti gli abbracci del tuo aff. Ciccio. Saluterai i [fra- telli Orlando ed il buono Errante .
(allegato d'altra mano?)
. Fratèlli,
In pari data abbiamo diretta la seguente lettera e la eomuni-<t chiamo per averne le dovute intelligenze e per aggire di accordo nell'avvenire: