Rassegna storica del Risorgimento

GORIZIA
anno <1938>   pagina <1271>
immagine non disponibile

Gorizia ottocentesca, ecc. 1271
29. Giuseppe Sandrini, disoccupato vive presso il padre in Gorizia, nato in Gori­zia, d'anni 25, celibe. Garibaldino.
30. Antonio Evora, agente in Gorizia, nato in Gorizia, d'anni 38. celibe. Esterior­mente corretto.
31. Francesco Madritz (Madriz), cassiere comunale in Gorizia, nato in Gorizia, d'anni 39, coniugato. Molto prudente un individuo del tutto politicamente sospetto, grande intimità con Favetti.
32. Clemente Riavitz (Biaviz), negoziante in Gorizia, nato in Gorizia, d'anni 35, celibe. Dedito al vizio, uno schiamazzatore, molto impulsivo nell'ubriachezza.
33. Giacomo Leban, negoziante in Gorizia, nato in Gorizia, d'anni 41, vedovo, con prole. Ottuso, ma un fattivo ammiratore di Favetti; un istrumento cieco senza altre considerazioni; appartiene al contorno permanente del Favetti.
34. Giovanni Covacig, ingegnere privato in Gorizia, nato a Santa Lucia (d'Isonzo), d'anni 37, celibe. Appartiene al contorno permanente di Favetti.
35. Antonio Mighetti, cappellaio in Gorizia, nato in Gorizia, d'anni 49, coniugato. Appartiene al contorno permanente del Favetti - molto cauto.
36. Cav. Riccardo de Trombetti, disoccupato, nato in Verona, d'anni 42, coniu­gato. Era sin dal 1867 agente presso Je ferrovie in Napoli, vive ora a spese di suo padre residente in Gorizia, il consigliere aulico in pensione de Trombetti; è un attivo agente di suo cognato Favetti.
3.7. (Don) Antonio Veliscig, vicario onorario del Duomo in Gorizia, nato in Dole-gna nel distretto di Cormons, d'anni 38. Ha dimostrato, negli ultimi tempi, il suo atteggiamento antigovernativo, mediante le sue prediche antiaustriache in senso ultraclericale.
38. (Don) Giacomo Visintin, vicario onorario del Duomo in Gorizia, nato a San Martino (del Carso), d'anni 31. Ha dimostrato, negli ultimi tempi, il suo atteggia­mento antigovernativo, con le sue prediche anti-austriache in senso ultraclericale. Gorizia li 8 Febbraio 1868.
li* i.'r. Consigliere di Luogotenenza Kubeck.
* * *
Il 4 febbraio il direttore di polizia Krauss, segnalava un grande movimento nei patriotti giuliani, al ministero per la difesa del paese e della pubblica sicurezza in Vienna. Il documento è interessante anche perchè c'informa con quali patrio tti il Favetti stava in relazione, fuori della cerchia delle mura della sua città natale.
N. 280 Bis. L'ex segretario municipale Carlo Favetti condannato nel 1866 per alto tradimento e più tardi graziato, del quale ebbi a riferire nei miei rapporti diretti il 3 agosto e 30 dicembre 1867, N. 2371 e 2714 Bis. alla sezione di polizia dell'eccelso i. r. presidio del consiglio dei ministri, intraprende delle frequenti gite a Trieste, ove frequenta da vicino, l'avvocato dott. Arrigo Hortis, che gode la fama di essere a capo dei malcontenti che desiderano l'annessione all'Italia e con il conce-pista d'avvocato dott. Antonio Yidacovich, nn istriano nativo di Càpodistria, che appartiene egualmente allo stesso partito.