Rassegna storica del Risorgimento

ISTITUTO MAZZINIANO DI GENOVA FONDI ARCHIVISTICI; PARETO LORENZ
anno <1976>   pagina <528>
immagine non disponibile

528
Vita dell'Istituto
della Resistenza in Cuneo e Provinola: -versamento determinato anche dalla sensibilizzazione alla pubblica conservazione di materiale documentario promosso dalla pubblicazione del vo­lume Storia dell'Amministrazione Provinciale di Cuneo dall'Unità al fascismo, in coi si dava più ampia notizia di alcuni fondi archivistici di famiglie cuneesi. In questa direzione molto ancora dev'essere fatto.
H Commissario che ha partecipato quale ricercatore all'esplorazione sistematica dello stato degli archivi comunali, promossa dal Comitato di Torino, diretta dal prof. Narciso Nada e finanziata dalla Regione intende elaborare un analitico piano di sondaggi volto ad inco­raggiare il versamento di fondi archivistici, tuttora in possesso di famiglie, agl'Istituti di storia locali o all'Archivio di Stato per Provincia di Cuneo; ed anche a questo proposito tornerà preziosa la collaborazione del nucleo di giovani ricercatori di cui sopra s'è detto.
Il varo definitivo della nuova dimensione del Comitato quantitativamente irrobu­stito potrà coincidere con la progettata realizzazione del convegno su Giolitti: di cui dovrebbe riuscire più manifestamente dimostrata la peculiarità dello spazio operativo degli studi di storia risorgimentale e postunitaria nel Cuneese, in collaborazione con gli altri soda­lizi ed istituti operanti in questa provincia tradizionalmente tagliata fuori dal diretto con­tatto con l'Università e remota rispetto ai grandi strumenti di lavoro storico.
Aldo Alessandro Mola
FERRARA. Dopo la scomparsa del mio caro fratello sen. avv. Enzo, che aveva retto questo Comitato dal 1959 e si era prodigato per le celebrazioni del Centenario dell'Unità d'Italia, ho ritenuto dovere accettare la proposta di reggere questo Comitato in qualità di Commissario e a tutt'oggi il numero dei soci ordinari è aumentato di circa 15 nominativi.
Ripristino capanno Garibaldi. - Successivamente all'incendio effettuato con notturno coraggio da ignoti vandali il 2 aprile 1973, mi sono efficacemente adoperato per la rico­struzione, intervenendo ripetutamente verso il Comune di Comacchio la cui ce culpa in vigi­lando era indiscussa.
Sono stato effettivamente più che soddisfatto per la recente celebrazione del 3 agosto u.s., nel 127 anniversario dello sbarco di Garibaldi a Magna vacca, ove ho tenuto il discorso ufficiale, come dalle cronache dei giornali Resto del Carlino, Gazzetta Padana, e Voce di Romagna. Oltre alle Autorità ferraresi sono intervenuti i seguenti Garibaldini (reduci dalle Argonne e Cacciatori delle Alpi) che con le loro Camicie Rosse hanno commosso il numeroso pubblico.
Questi Garibaldini che elenco fanno parte dell'Associazione Nazionale Veterani e Reduci Garibaldini ente morale con sede in Bologna, Via Galliera Cassero 8.
Nobili Luciano, Bologna; Virgini rag. Vittorio, Civitanova Marche; Fontanelli Federico, Coilemarino (An); Giovannini Alfredo, Lugo (Ra); Rossi cav. Antonio, Milano Marittima; Cunaro Guglielmo, Milano Marittima; Errani Guido, Alfonsine (Ra); Barboni Agostino, St. Alberto (Ra); Crudeli Domenico, Ravenna. Da questi Garibaldini ho ricevuto lettere di entusiasmo ed abbiamo convenuto di effettuare un pellegrinaggio a Caprera.
Ho infine presenziato alle celebrazioni Garibaldine nella Repubblica di S. Marino il 31 luglio ed a Ravenna il 6 agosto.
Museo del Risorgimento. - È mio intendimento procedere all'inventario di tutti gli oggetti e documenti e indire entro la fine dell'anno la riunione del Comitato provinciale per il programma dell'anno venturo.
Elezioni. - Si sono tenute il 24 aprile 1976: sono risultati Consiglieri: Bràgliani doti. Alessandria, Brighenti doti. Roberto, Bargeolesi geom. Angelo, Borgatti aw. Vittorio e Gaiatto prof. Sante; Presidente il sottoscritto.
Ugo Veronesi
FORLÌ. Conferenze, lezioni ecc.: Francesco Petrarca, nella ricorrenza centenaria, è stato rievocato dal prof. Sergio Zanotti, presenti soci del lions Club e del Comitato di Forlì. La conferenza, svolta con originalità e profondità di concetti, ha suscitato il più fervido