Rassegna storica del Risorgimento

BLAKISTON NOEL
anno <1985>   pagina <262>
immagine non disponibile

262 Vita dell'Istituto
*
FERRARA. 1/8 marzo 1985 si sono svolte le elezioni per il rinnovo delle cariche sociali. Il nuovo Consiglio direttivo risulta così composto: aw. Ugo Veronesi (Presidente); avv. Giorgio Franceschini (Vice Presidente); Sante Gaiatto (Segretario); Comandante Giorgio Zanardi, dott. Giuseppe Begnudelli, aw. Vittorio Borgatti, prof. Carlo Canella, aw. Giorgio Anselmi (Consiglieri).
11 5 febbraio 1985 il Presidente ha inviato a tutti i soci una circolare commemorativa del Centenario dello sbarco delle truppe italiane a Massaua.

FOGGIA. In seguito alle dimissioni del prof. Pasquale di Cicco è stato nominato Commissario straordinario il preside prof. Tommaso Nardella, Scuola media F. de Carolis , San Marco in Lamis.
* * *
MACERATA. Si vogliono ricordare qui tre soci che recentemente ci hanno lasciati: Enrico Accorretti, Giovanni Belelli e Giacomo Zazzaretta.
Enrico Accorretti era nato a Macerata nel 1888, ed era laureato in Scienze sociali. Nella guerra 1915-18 era stato tra l'altro comandante del Gruppo da bombardamento idro­volanti di Venezia. Durante la seconda guerra mondiale era stato capo di Stato maggiore della flotta e comandante della Divisione Vittorio Veneto , poi sottocapo di Stato maggiore della Marina. Fu aiutante di campo generale onorario del re. Era stato decorato con due Ordini militari di Savoia, tre medaglie d'argento e due croci di guerra al valore militare. Nel 1964 aveva pubblicato un fascicolo di documenti sulla sua antica famiglia.
Giovanni Belelli era nato a Macerata nel 1904 (da famiglia di garibaldini), e si era laureato in Lettere e Filosofìa, compiendo in seguito anche i corsi di legge. Dopo essere stato addetto al Gabinetto del Ministro dell'economia nazionale, e poi segretario del Con­siglio dell'economia e della Coniìndustria di Aosta, era stato deputato nella XXIX legislatura e segretario della Camera nella XXX legislatura (fino al 22 nov. 1939).
È morto pure il prof. Giacomo Zazzaretta, che già da vari anni era vicepresidente del Comitato provinciale maceratese. Era stato preside di Liceo scientifico, ed era noto soprattutto per studi su Montale e traduzioni di poesie di Senghor. Ma aveva pubblicato pure apprezzate ricerche su Carducci e D'Annunzio e, in collaborazione con A. Tasso, un testo di educazione civica, oltre ad un articolo sulla battaglia murattiana di Tolentino. È uscita postuma la sua pubblicazione Montale e il mito Asburgico , che contiene diva­gazioni su "Quaderno di quattro anni" e "Altri versi". E un volume di 112 pagine, curato nelle ultime bozze da Stanislao Tamburri, che ha premesso di ammirare l'autore nelle notazioni penetranti, nelle intuizioni acute, nel non comune intendimento del bello, nel fedele amore per la Poesia . Il mito asburgico è ricordato a proposito delle ligure di Gerti e Dora Markus, riguardo le quali lo stesso Montale ebbe a dichiarare: Queste appari­zioni femminili [...] sono la mia voce .
ALDO ADVERSI

PAVIA. Sì è svolta sabato 9 marzo l'assemblea generale dei soci del Comitato di Pavia. Erano all'ordine del giorno: a) relazione triennale del Presidente sull'attività svolta; b) proposte per l'anno in corso; e) elezione a scrutinio segreto del nuovo Consiglio direttivo.
11 Presidente ha tracciato un quadro delle iniziative e della situazione finanziaria, chiedendo maggiori agganci con il mondo universitario e la continuazione della collabora­zione con la Società pavese di storia patria e con l'Assessorato alla cultura. Ha espresso compiacimento per l'aumento dei soci (nell'ultimo mese se ne sono avuti cinque e nel triennio ben diciannove in totale) e per l'attività pubblicistica e di studio dei soci. Ha infine tracciato un quadro delle iniziative da prendersi; si è convenuto con il presidente della