Fonti 97

Carducci e la rivoluzione. I sonetti di Ça ira. Storia, edizione, commento

Stefania Baragetti
Anno: 2009Pagine: pp. 268
fonti 97

La corona dei dodici sonetti di Ça ira da voce poetica alle riflessioni di Carducci sul “momento più epico della storia moderna”, come egli stesso definì il Settembre 1792 in una nota posta in calce alla prima edizione del poemetto nel maggio 1883.Nei “settembrini”, che inevitabilmente rinfocolarono le polemiche (l’autore replicò nei mesi successivi con una lunga e battagliera prosa apologetica), è riaffermato non soltanto il valore delle del 1789, ma anche dei successivi esiti, drammatici e violenti, della Rivoluzione, fino alla luminosa giornata di Valmy (20 settembre 1792), quando anche Goethe, presente all’epica battaglia volle cogliere, nella vittoria dell’esercito francese, l’inizio di una nuova era per l’umanitàA un profilo storico-biografico di Carducci orientato ai suoi giudizi sulla Francia rivoluzionaria, si uniscono la ricostruzione della genesi di Ça ira e i commenti ai singoli sonetti, mentre un’ampia appendice offre l’edizione critica del poemetto, qui per la prima volta presentato sulla base di un’organica classificazione delle testimonianze manoscritte e a stampa